venerdì 26 novembre 2021

Iperwriters - L'amica di Londra

Photo by Anthony Ingham on Unsplash

Iperwriters - Editoriale di Claudia Salvatori

Venerdì, ore 13.
La nave Iperwriters ha anche un'altra amica espatriata. Chiamiamola Emily, come Emily Bronte; una scrittrice italiana fuggita in Britannia. Sentiamo che cosa dice:

“Ho scritto tante cose nel corso degli anni; non ho creato un vero romanzo. Raccontando la mia giovinezza in Italia/Europa, incluse le feste techno e la nascita della società digitale, vedo piuttosto nella mia testa un film. Ma diciamo che per me scrivere è soprattutto una via per riflettere, raccontare a qualcuno che non mi interrompe o giudica. Pasolini mi ha tenuto compagnia dall'inizio della pandemia. Il passato mi entusiasma. Spero che mi aiuti a capire l'oggi, il presente incomprensibile. Devo ammettere (con grande tristezza) che capisco cosa intendi, quando parli del cambiamento di stato di uno scrittore odierno rispetto a decenni fa. E ci sono interviste su Youtube di Moravia, Pasolini & company, che rendono evidente questa involuzione. E' una vera contraddizione questa accessibilità costante a tutto, ma che pochi in realtà utilizzano bene. I social-media canalizzano le masse, che usano solo due o tre piattaforme. Invece la biblioteca online è attivissima, per chi cerca. Da quando ho smesso di usare Facebook sono tornata me stessa.”

Emily ha re-incontrato la cultura. Confortante che qualcuno abbia davvero a che fare con la cultura, invece di dire che bisogna sostenerla Lei naviga per le biblioteche online, che effettivamente in questo momento ci mettono a disposizione tutta la bellezza che è stata creata dalle origini della civiltà umana. Emily è a un passo dal domandarsi perché tutta la bellezza a disposizione online viene utilizzata bene da pochi, solo da chi cerca.
L'ho conosciuta quando aveva una ventina d'anni (ho la stessa età di sua madre). Quando io avevo vent'anni l'acculturazione di massa era in pieno corso, e i libri cartacei già a disposizione di tutti. Ma pochi li cercavano.
Uno dei miei editori mi ha confermato che dall'Unità d'Italia il numero dei lettori è rimasto inalterato. Sembra che da una generazione all'altra, a leggere, siamo sempre gli stessi.
Un popolo in un container.
Perché? Questo ci rimanda ai contenuti dei vari container, cioè alle biodiversità.






Nessun commento:

Posta un commento

Iperwriters - Biodiversità invisibili: vecchiaia

Photo: Rinson Chory from Unsplash Iperwriters - Editoriale di Claudia Salvatori Venerdì, ore 13. Ormai avrete capito che la nave Iperwriters...