giovedì 29 novembre 2018

Wine & Words con Aldo Lado


Appuntamento con il regista e scrittore Aldo Lado per il ciclo Monsieur Le Pop - Wine & Words, Marina di Andora (Savona), sabato primo dicembre 2018 dalle 18.30 alle 20.30 al Momart, via Trieste 14. Ingresso gratuito. Degustazione guidata di vini a cura della FISAR Savona. Mostra di Andy Warhol in collaborazione con Galleria Spirale, Milano. Un evento in collaborazione con Hotel Galleano e Momart Guest House. Conduce l'incontro Andrea Carlo Cappi.

mercoledì 28 novembre 2018

Martin Mystère - L'ultima legione di Atlantide

Prima de La Donna Leopardo, vincitore del Premio Italia 2018 come miglior romanzo fantasy e de Le guerre nel buio, bestseller nell'estate 2018 (entrambi pubblicati in edicola da Sergio Bonelli Editore e ora disponibili nel suo bookshop online), venne L'ultima legione di Atlantide, tuttora disponibile da Edizioni Cento Autori. Il detective dell'impossibile sulla lista nera di una squadra di assassini venita dal passato. Le origini mai svelate di Martin Mystère e Sergej Orloff. La prima apparizione della Donna Leopardo. Ordinabile in libreria, in vendita su IBS, su Amazon e i principali bookshop online.

Unsane: la legge della follia



Recensione di Andrea Carlo Cappi

Non esiste una definizione canonica per il filone del thriller dedicato agli stalker, rientra in genere nella grande categoria dello psychothriller. Ma di fatto lo stalking thriller – chiamiamolo così – esiste e ha sue caratteristiche specifiche, anche se nella maggior parte dei casi le abbiamo viste declinate in modo banale in sottoprodotti di narrativa e tv movies.
Ma ci sono stati esempi illustri, a partire dal romanzo di John D. McDonald The Executioners, pubblicato in Italia sull'onda (e con i titoli) di due celebri film: Il promontorio della paura di J. Lee Thompson e il remake Cape Fear di Martin Scorsese. In quel caso uno psicopatico (Robert Mitchum e Robert de Niro nelle due versioni cinematografiche) perseguitava l'uomo la cui testimonianza lo aveva mandato in galera (Gregory Peck e Nick Nolte, rispettivamente), minacciandone la famiglia.
Se vogliamo, anche il mitico Duel di Steven Spielberg – in origine un tv movie tratto da Richard Matheson – ne è una variazione sul tema, in cui un ignoto camionista insegue il viaggiatore di commercio interpretato da Dennis Weaver. Non meno inquietante e altrettanto memorabile è Quando chiama uno sconosciuto di Fred Walton, in cui il bersaglio della persecuzione è una baby-sitter, poi madre di famiglia, interpretata da Carol Kane; il film è stato in parte ispiratore di Scream di Wes Craven.
Curioso a dirsi, alcune delle pellicole più significative del filone raccontano di stalker al femminile, come Brivido nella notte – primo film da regista di Clint Eastwood – in cui questi interpretava un dj radiofonico perseguitato da un'ammiratrice (Jessica Walter); o come Attrazione fatale di Adrian Lyne in cui Glenn Close se la prendeva con Michael Douglas; il quale se le va proprio a cercare, visto che si trova in una situazione analoga con Demi Moore in Rivelazioni di Barry Levinson, tratto dal romanzo di Michael Crichton.


Stalking in inglese significa «braccare» ed è oggi un termine associato, finalmente anche in Italia, a predatori e persecutori sessuali. E in Unsane di Steven Soderbergh ne è vittima Sawyer Valentini (Clare Foy), che dopo due anni di persecuzione, costretta a trasferirsi da Boston alla Pennsylvania, non riesce a liberarsi dal disturbo da stress post-traumatico che la porta a rivedere ovunque David Strine (Joshua Leonard), l'uomo che dice di amarla. Per questo chiede un colloquio con una terapeuta specializzata in una clinica privata.
E qui comincia un incubo con echi di Kafka e Buzzati che rende il film particolarmente originale: nel colloquio sono emersi occasionali pensieri suicidi e, firmando una serie di moduli apparentemente innocui sulla privacy, l'ignara Sawyer ha dichiarato di volersi sottoporre a ricovero per ventiquattr'ore. A nulla vale chiamare la polizia, che alla reception trova i documenti firmati dall'involontaria paziente. Quando Sawyer comincia ad avere reazioni violente al sequestro di persona legittimato, viene trattenuta per un'ulteriore settimana.
Si tratta in realtà di una truffa alle assicurazioni che sfrutta la legislazione sanitaria americana e non c'è modo di ribellarsi, come le spiega Nate Hoffman (Jay Pharoah), un degente che sembra sapere molto di più di un paziente normale.
Ma la situazione per lei peggiora quando riconosce il suo stalker in tale George Shaw, addetto alla distribuzione dei farmaci. Nessuno le crede, com'è ovvio: è un parto della sua fantasia malata, che ancora una volta le fa vedere Strine nel volto di un estraneo. Come avrebbe potuto lui sapere dove lei si trovava e farsi assumere dalla clinica? O invece è tutto vero e il maniaco innamorato è riuscito a insinuarsi nell'ambiente ideale per portare a termine il suo piano, un luogo dal quale Sawyer non può allontanarsi? A nulla vale chiamare in soccorso la madre Angela (Amy Irving) grazie al cellulare, proibito, che Nate è riuscito a contrabbandare nella camerata, perché il sistema perverso sa come difendersi con apparente legalità.


Due temi importanti si sovrappongono nel film. Uno riguarda la difficoltà e il prezzo da pagare in termini di libertà personale per difendersi dallo stalking, evidenziati dal breve flashback in cui Matt Damon veste i panni del detective Ferguson; sappiamo dalla cronaca come troppo spesso la persecuzione sfoci nella violenza o lasci quantomeno traumi indelebili nella vittime. L'altro tema è quello dei rischi della sanità americana, interamente privata e basata sulle assicurazioni, pericolosamente soggetta a uno sfruttamento di tipo economico a danno del paziente; ricordiamo il tentativo del presidente Obama di istituire un servizio sanitario nazionale, poi demolito dal suo successore Trump.
Proprio questa dimensione dai risvolti socio-politici fa sì che Unsane si distingua dai consueti cliché del filone, pur sfruttandoli in modo creativo, anche grazie alle modalità singolari con cui è stato realizzato, solo in una settimana, utilizzando un iPhone in luogo della macchina da presa, ottenendo effetti singolari a livello cinematografico tanto nei primi piani quanto nei campi lunghi. Un film che merita di essere visto, proprio per tali ragioni, sul grande schermo. Nella fattispecie a me è capitato in un'interessante serata nell'ambito del cineforum del Cinema Splendor di Bollate (Milano), per poi commentarlo con il pubblico al fianco dell'esperto Joe Denti.





giovedì 22 novembre 2018

Danse Macabre spot 31


Andrea Carlo Cappi a Garfagnana in Giallo


Gli incontri con Andrea Carlo Cappi a Lucca e a Barga, nell'ambito della decima edizione di Garfagnana in Giallo, festival letterario noir, giallo e poliziesco, quest'anno intitolata a Ian Fleming:

Lucca, Auditorium Agorà
venerdì 23 novembre, ore 16.45
incontro con gli autori dell'antologia Obscuria - Horror italiano (Damster Edizioni)



Barga, Teatro dei Differenti
sabato 23 novembre, ore 17.30
incontro con Andrea Carlo Cappi.
Saranno in vendita alcuni libri dell'autore.



Guarda il programma completo del festival

Danse macabre spot 30


Biagio Proietti - Un visionario felice - Booktrailer




In libreria il volume Biagio Proietti - Un visionario felice di Mario Gerosa, con interventi di Andrea Carlo Cappi, Stefano Di Marino, Enrico Luceri e la partecipazione di Biagio Proietti, da Edizioni Il Foglio. Disponibile anche su IBS, su Amazon e altri bookshop online.

giovedì 15 novembre 2018

Danse Macabre spot 29


Il Lado della pagina

Aldo Lado in una foto di Andrea Carlo Cappi


Riflessioni e recensioni di Andrea Carlo Cappi

L'idea che il pubblico ha di un film è quella degli attori, dei costumi, della fotografia, della musica (nel caso che esamineremo, spesso, quella del maestro Ennio Morricone). In generale, si dimentica della parte iniziale e fondamentale: quella della scrittura. Alfred Hitchcock – benché non scrivesse mai di persona i copioni dei suoi film, anche se a volte ne ideava i soggetti e interveniva pesantemente sul lavoro degli sceneggiatori – diceva che, una volta completata la scrittura, avrebbe voluto una macchina IBM che realizzasse il film senza bisogno di andare sul set. Perché la fase di scrittura è quasi più importante del resto.
A volte i registi lavorano su una sceneggiatura altrui, altre volte vi partecipano, altre ancora ne sono gli autori. Ma prima ancora viene il soggetto, che può essere un appunto preso su un tovagliolo al bar o un corposo racconto che delinea i tratti principali del film. Ma il percorso tra l'idea di un film e il prodotto finito è irto di ostacoli: Sergio D. Altieri (o Alan D. Altieri, com'era noto in Italia) ricordava i corridoi degli studi di Hollywood lastricati di dattiloscritti abbandonati: sceneggiature di film che nessuno aveva e avrebbe mai realizzato. Ma molte storie fanno naufragio ancora prima di arrivare a quella fase, restando allo stadio di soggetti messi in un cassetto per ragioni a volte futili: il produttore ha esaurito i soldi, oppure ritiene che i gusti del pubblico siano cambiati, oppure ancora – qui parlo per esperienza personale – non sa nemmeno lui che cosa voglia.



Aldo Lado è uno che il cinema lo ha fatto sul serio, cominciando cinquant'anni fa come aiuto regista (con Bernardo Bertolucci sul set de Il conformista tratto da Moravia, per esempio) per poi firmare quindici titoli come regista e molti di più come sceneggiatore, senza contare le serie televisive e i film come produttore, tra cui Farinelli. Gli appassionati di thriller lo ricordano per due capolavori del genere, La corta notte delle bambole di vetro e Chi l'ha vista morire?, cui si aggiunge il memorabile L'ultimo treno della notte; ma nella sua carriera ha affrontato tematiche diverse, con Sepolta viva (da un romanzo di Marie Eugénie Saffray), La disubbidienza (da Alberto Moravia), La cosa buffa (da Giuseppe Berto) o La cugina (da Ercole Patti), per cimentarsi anche nella fantascienza con L'umanoide e tornare alla sua visione personale del thriller con Il notturno di Chopin.
Tra parentesi e a titolo di pura curiosità, Aldo Lado è – alla pari con Alberto De Martino quando girò il pastiche jamesbondiano OK Connery – il regista italiano che ha lavorato con il maggior numero di attori immortalati da film di 007... pur non avendo mai fatto un film del genere: ha lanciato la giovanissima Barbara Bach ne La corta notte delle bambole di vetro e l'ha recuperata ne L'umanoide insieme a Corinne Clery e Richard Kiel, mentre ha diretto l'ex-Bond George Lazenby e il mitico Adolfo Celi in Chi l'ha vista morire? Avrebbe battuto il record se avesse realizzato un progetto per cui aveva già preso contatti con Ursula Andress.


Perché anche lui ha un cassetto pieno di soggetti perduti, che non esita ad aprire per noi con un libro originale e unico nel suo genere: I film che non vedrete mai (edito da Angera Film nel 2017, 212 pagine di grande formato a 16,50 euro). Il volume è un triplice percorso nel cinema italiano e internazionale: una raccolta di storie concepite per lo schermo e mai realizzate, tranne una che si è modificata passando di mano e diventando Il giorno del cobra di Enzo G. Castellari; una sintetica autobiografia dell'autore che intervalla i singoli racconti narrando cosa succedeva tra un soggetto e l'altro; e un viaggio attraverso mezzo secolo di cinema, i cui produttori a volte cercavano di seguire le mode del momento, a volte davano – stranamente – ascolto all'autore, per poi alla fine capitolare di fronte a una televisione di qualità sempre più incerta.


A Lado piacciono le sfide: se già il suo lavoro di sceneggiatore e regista ha coperto uno spettro molto ampio di scenari e argomenti, i film che non vedremo mai testimoniano le idee di un autore che non ha mai voluto essere inquadrato solo in un genere, tantomeno raccontare sempre la stessa storia. Così si scoprono avventure ibride tra noir e guerra, thriller dai forti elementi sociali, vicende erotiche dai risvolti torbidi, una black comedy dalle sfumature boccaccesche, uno spaghetti western e un appassionante Spartacus, una storia di amicizia sullo sfondo della Resistenza e della RSI, persino una trama di fantascienza apocalittica. Si entra nella mente creativa inarrestabile di un autore che da una parte persegue tematiche precise, prima fra tutte la lotta alla discriminazione e allo sfruttamento, dall'altra non riesce a smettere di immaginare personaggi e vite.
Ne sono la riprova due romanzi, uno uscito da poco e uno di prossima pubblicazione. De Il mastino, un avvincente noir avventuroso, parleremo quando sarà uscito di stampa, ora prendiamo in considerazione il già disponibile Un pollo da spennare (Angera Film, 204 pagine, 12,50 euro), un romanzo dalla trama noir sviluppata in chiave comica e surreale, tanto che qualcuno l'ha accostato a Daniel Pennac.


A chi conosca il cinema francese degli anni Settanta lo stralunato protagonista Peny fa venire in mente Pierre Richard, che ne sarebbe stato l'interprete perfetto (anche a giudicare dalle illustrazioni dell'artista Norbert Iborra che punteggiano il libro a partire dalla copertina). Del resto il romanzo è stato scritto in francese nel periodo in cui Lado viveva a Parigi e qualcosa dell'atmosfera multietnica della Ville Lumière è ben riconoscibile nell'incrocio di personaggi stravaganti che il romanzo mette in scena.
Peny soffre di una singolare allergia: non può toccare il denaro a mani nude; in compenso è dotato di un olfatto quasi sovrannaturale. Destino vuole che l'unico lavoro che trova consista nel contare i soldi presso un centro che raccoglie gli incassi di supermercati. Il che fa di lui la vittima perfetta di un raffazzonato gruppo di rapinatori e, al tempo stesso, il capro espiatorio ideale per le autorità. Ha inizio così una paradossale odissea a caccia del malloppo, con tanto di inusitata storia d'amore, al termine della quale Peny dimostra di non essere soltanto un pollo da spennare.

Gli appuntamenti con Aldo Lado, i suoi libri e la sua storia:

-Milano, giovedì 15 novembre dalle 18.00 alle 20.00 per Ribs&Books
in collaborazione con Bloodbuster, Borderfiction e Parole di Milo al
Ribs and Beer, via Pitteri 110 (Lambrate)
Ingresso gratuito, aperitivo con buffet 9,90 euro
Presentano Andrea Carlo Cappi & Stefano Di Marino

-Marina di Andora (Savona), sabato 1° dicembre dalle 18.30 per Monsieur Le Pop – Wine & Words
in collaborazione con Hotel Galleano, FISAR Savona, Spirale Milano e Momart Guest House al
Momart, via Trieste 14
Ingresso gratuito, degustazione di vini a cura della FISAR Savona.
Presenta Andrea Carlo Cappi



martedì 13 novembre 2018

Danse Macabre spot 28


Stan Lee, fornitore di meraviglie

Stan Lee in un albo Marvel degli anni Sessanta


Confessioni di Stan Lee
raccolte da Andrea Carlo Cappi

Il 12 novembre 2018, a quasi novantasei anni - che avrebbe compiuto il 28 dicembre prossimo - è morto Stanley Lieber in arte Stan Lee, forse la figura più nota nella storia del fumetto mondiale: già dagli anni Sessanta la sua immagine appariva di frequente sugli albi della Marvel Comics, creando un rapporto diretto con i lettori. Ma molti hanno conosciuto Stan the Man in tempi più recenti, quando già ultraottantenne prese l'abitudine di apparire in un cameo umoristico alla Alfred Hitchcock nei film basati sui personaggi della sua casa editrice. La primissima apparizione risale in realtà al 1989, come membro della giuria in Processo all'incredibile Hulk, tv movie derivato dalla storica serie di telefilm con Bill Bixby e Lou Ferrigno, in cui per la prima volta si vedeva sullo schermo anche un altro personaggio Marvel, Daredevil.
Stan Lee non ha creato tutti i personaggi che popolano l'Universo Marvel: ne ha ripresi alcuni come Capitan America, Submariner o la prima Torcia Umana dalla Timely Comics, la compagnia in cui aveva cominciato a lavorare nel 1939, prima di andare in guerra: il suo esordio era stato proprio su un numero di Captain America Comics nel 1941. Altri ancora sarebbero nati nei decenni successivi per mano di autori della Marvel.
Tuttavia furono molti i nuovi eroi che Stan Lee creò di persona, in collaborazione con il fratello Larry Lieber, con celebri autori-disegnatori quali Jack Kirby e Steve Ditko, e con colleghi come Bill Everett. I loro personaggi, che avrebbero costituito l'Universo Marvel, erano contraddistinti dalla formula "supereroi con superproblemi", che li rendeva più umani agli occhi dei lettori rispetto a superuomini e superdonne dei fumetti precedenti.
Dagli anni Duemila i personaggi della Marvel hanno conosciuto nuova popolarità grazie ai cosiddetti "cinecomics". Stan Lee occupava ormai solo una carica onorifica, ma era sempre presente, oltre che nelle partecipazioni straordinarie dei film, anche nei contenuti speciali dei dvd, restando una figura familiare al pubblico. Quest'anno ha fatto in tempo a vedere il decennale dei Marvel Studios (peraltro acquisiti nel frattempo dalla Walt Disney) e il lancio del più ambizioso progetto cinematografico della sua compagnia, Infinity War.

Quindici anni fa, il 5 dicembre 2003, il Noir in Festival si videocollegò con Los Angeles, da dove Stan Lee rispose alle domande di Giorgio Gosetti, alle mie e a quelle del pubblico in sala. La conversazione fu pubblicata l'anno dopo su M-Rivista del Mistero e nel 2012 all'interno del volume Spiderman - 50 anni di un mito. Oggi è il giorno più adatto a riproporla. 



I fumetti

Cominciai quando avevo circa diciassette anni. C’era un posto libero in una casa editrice, pensavo di voler fare lo scrittore e accettai il lavoro. Non sapevo che si trattasse di fumetti, credevo fossero libri o riviste. Quando seppi che il lavoro era nella sezione fumetti, pensai che sarebbe stato divertente, che me ne sarei occupato per un po’, per fare esperienza, e che poi mi sarei avventurato nel mondo reale. Per qualche ragione, dopo più di mezzo secolo, me ne sto ancora occupando.
Quando ho cominciato, volevo fare qualcosa di diverso. Come scrittore non volevo fare un’imitazione di qualcos’altro. C’era una certa formula che dovevo seguire. Sapevo che i lettori volevano supereroi con superpoteri e che volevano che gli eroi indossassero dei costumi. Ma, a parte quello, cercai fare tutto in modo differente. Tentai di renderli molto umani. Qualsiasi essere umano ha un difetto di qualche genere. C’è chi è timido, c’è chi è debole, c’è chi non vede o non sente bene. Pensai che, dando loro certe fragilità umane, li avrei resi più credibili, malgrado fossero dotati di superpoteri.
Se leggi una storia il cui protagonista riflette i tuoi stessi desideri, le tue stesse ambizioni, ma anche le tue paure e le tue inquietudini, puoi legarti maggiormente a quel personaggio, puoi credere in quel personaggio.
Ritengo che i supereroi possano essere simili alle persone normali. Se l’eroe è solitario, ha problemi sentimentali, è tormentato, questo lo rende simpatico al lettore. Una cosa che ho sempre cercato di fare come scrittore è stato usare molto i thought balloons, i fumetti con i pensieri, riconoscibili dalle bollicine sopra la testa dei personaggi. Mostrare ciò che un personaggio sta pensando è un altro modo per permettere al lettore di comprendere il personaggio.
In verità sono molto pigro. Quando ho creato l’Uomo Ragno, dovevo motivare i suoi superpoteri, quindi mi sono dovuto inventare che fosse stato morso da un ragno radioattivo. Lo stesso valeva per Daredevil: mi inventai che un liquido radioattivo gli fosse finito negli occhi. Hulk era stato investito dai raggi gamma, i Fantastici 4 dai raggi cosmici… Ero a corto di ragioni per cui i supereroi potessero diventare tali, così mi venne in mente che se erano dei mutanti, potevano nascere coi loro superpoteri. Succede. Dopotutto, un serpente con due teste è un mutante. Se erano dei mutanti, non c’era più bisogno di ragni radioattivi o raggi gamma, non c’era niente da spiegare e potevo andare avanti con la storia.
Quando cominciai, scrivevo sceneggiature per i fumetti con le stesse tecniche usate per lo schermo: descrizione della scena e dialoghi. In seguito lasciai la mano più libera agli artisti per quanto riguardava il layout. I disegnatori erano liberi di scegliere come comporre la scena. Poi mi passavano le tavole e io aggiungevo dialoghi e didascalie. In questo modo potevo lavorare più rapidamente, con più disegnatori nello stesso momento.



Capitan America

Capitan America non era una mia creatura: era stato inventato anni prima da Jack Kirby e Joe Simon. Era ancora un personaggio monodimensionale: un “buono” con superpoteri che combatteva contro i cattivi, affiancato da una spalla teen-ager, Bucky Barnes. Ma non si poteva dire molto altro di lui. Quando cominciai a scriverne come personaggio Marvel negli anni Sessanta, Capitan America non usciva da molti anni. Decisi di riportarlo in vita. Ma volevo dargli un po’ di personalità, qualche problema. Volli renderlo incapace di adattarsi al mondo degli anni Sessanta. Capitan America si sentiva, in qualche modo, un anacronismo, un uomo di altri tempi che non capiva gli eventi, la musica, l’ambiente degli anni Sessanta. E fu così che lo ripresentai al pubblico.
Alcuni anni dopo smisi di scriverne le sceneggiature, ma ci furono altri scrittori che proseguirono il lavoro, cercando di portarlo ancora più avanti, di renderlo più realistico. Avevamo fatto morire Bucky, lo avevamo sottoposto a molte prove (avevo appena menzionato il periodo dopo il Watergate, in cui Capitan America non si riconosceva più nel suo paese e aveva adottato un costume nero e il nome di battaglia Nomad, A.C.C.) Tutto questo con l’obiettivo di rendere il personaggio una persona reale in un mondo reale. Perché alla gente vera succedono molte cose, a volte muoiono degli amici. Ed è interessante vedere come un eroe reagisce alle sventure che capitano nella sua vita. Questa era l’intenzione.



Televisione e cinema

Ralph Bakshi è un genio, un grande animatore. Amavo i suoi vecchi cartoni animati dell’Uomo Ragno. Non disponevano ancora di tutti gli effetti al computer che si usano oggi, ma avevano molto spirito, molta anima. Erano molto interessanti. Vorrei aggiungere che in questo momento c’è una nuova serie a cartoni animati sull’Uomo Ragno. Non so se sia stata già trasmessa in Italia, ma posso dire che è la migliore mai realizzata. Spero che la vedrete. Sono sicuro che vi piacerà.
Dipende tutto dalla qualità. Nel fumetto, il successo dipende dal fatto che una storia sia scritta bene e sia disegnata bene. Un film funziona se è ben scritto, ben diretto e ben recitato. Siamo stati molto fortunati: abbiamo avuto i migliori registi, i migliori sceneggiatori e i migliori attori. Quello che arriva sullo schermo cinematografico è molto fedele al contenuto dei fumetti. Nessuno ha cercato di alterarne lo spirito o la qualità. Quindi penso che siamo stati fortunati sotto tutti i punti di vista.
Sam Raimi, regista di Spiderman, è un mio vecchio amico, una persona splendida e di grande talento. Andiamo perfettamente d’accordo. Se vi raccontassi qualcosa della trama del nuovo film, mi ammazzerebbero. Ma posso anticiparvi che l’avversario è il Dottor Octopus, che sarà interpretato da un vero attore e non sarà un personaggio generato al computer, anche se verranno usati opportuni effetti speciali. Sono pronto a scommettere che Spiderman 2 sarà all’altezza del primo film, o addirittura migliore. Aspettate e vedrete.
Non seguo direttamente lo sviluppo: produttori e registi scelgono da soli… e ogni tanto mi concedono una partecipazione straordinaria. Nel mio prossimo cameo avrò addirittura una battuta. Posso considerarmi un membro del cast.
Ora è in uscita Ghost Rider e in lavorazione Fantastic Four. Stiamo preparando un film su Silver Surfer, uno sul Dottor Strange, uno su Submariner (Silver Surfer è apparso nel sequel di Fantastic Four, il Dottor Strange è arrivato sullo schermo solo più tardi, all'interno della saga di The Avengers, mentre il film su Submariner non è mai stato realizzato, A.C.C. 2018) A dire il vero praticamente ognuno dei personaggi principali della Marvel è protagonista di una sceneggiatura in preparazione in uno studio di Hollywood piuttosto che un altro. Ci saranno poi i sequel: oltre a Spiderman 3 anche Daredevil 2 e così via (Daredevil 2 non è mai stato realizzato: dopo il primo film e lo spin-off su Elektra, il progetto è rimasto fermo e Daredevil è tornato solo di recente nella serie tv realizzata da Netflix, A.C.C. 2018). È incredibile quanti “Marvel movies” sono in lavorazione in questo momento.
Credo che ai bambini piacciano. Cerchiamo di realizzare i film con gli stessi criteri con cui facciamo fumetti: in modo che possano piacere a ogni tipo di pubblico. Complessi quanto basta per essere apprezzati da un lettore adulto, ma chiari e comprensibili anche per i più piccoli. E cerchiamo di fare lo stesso con il cinema: adeguati a un pubblico adulto, ma divertenti per un pubblico più giovane.


Dopo la Marvel

Sono fuori da un po’ dai fumetti. Ora sto a Los Angeles, mentre la Marvel Comics è a New York. Negli ultimi anni mi sono occupato essenzialmente di cinema e televisione.
Per quanto riguarda la Marvel… è una strana situazione. Non l’ho effettivamente lasciata, sono tuttora il presidente emerito, più che altro un titolo onorario, e ancora faccio quello che posso per sostenere la Marvel, partecipo alle convention… Ma ho formato una mia compagnia, chiamata POW Entertainment, dove POW sta per Purveyors of Wonder (“Fornitori di Meraviglie”, N.d.R.) Ci occupiamo di cinema, televisione e animazione, basati su mie idee originali che non hanno nulla a che vedere con la Marvel. Sentivo che era venuto il momento di fare le mie cose. Mi sto divertendo molto, lavoro con gente come Nick Cage, Pierce Brosnan, Robin Williams. Realizzo una serie a cartoni animati chiamata Striperella, non so se ne avete sentito parlare, con Pamela Anderson nel ruolo di una donna che fa la danzatrice esotica di notte… e la supereroina di notte... più tardi. Stiamo anche lavorando a un cartone animato con protagonista Hugh Hefner, l’editore di Playboy, chiamato X-SuperBunnies: nessuno sa che Hefner è un supereroe che combatte per la libertà, così come nessuno sa le sue ragazze sono scienziate nucleari che lottano per salvare il mondo. Ci stiamo lavorando in questo momento ed è molto divertente (A dire il vero, non mi risulta nulla in merito a questi progetti! A.C.C. 2018)



La musica

Mi piace la musica di ogni genere. Comincia a piacermi anche il rap, l’unico problema è che non capisco che cosa dicono. Il rock mi piace: anni fa ho scritto anche testi per varie rock band. Sono amico di molte rockstar. Ho un aneddoto: una volta, in Inghilterra, ho ricevuto una telefonata in albergo. Una voce disse: “Sono Paul McCartney, ho saputo che è in Inghilterra, deve venirmi a trovare.” Io dissi: “Non conosco nessun Paul McCartney.” Ero sicuro che fosse uno scherzo. Ma lui mi diede un indirizzo e io ci andai, giusto per vedere di che cosa si trattasse. Ed era davvero Paul McCartney! Viveva in una grande casa, con davanti una grossa Rolls Royce e accanto una piccola Mini Morris. Sembrava che la Rolls Royce avesse appena avuto un figlio. La ragione per cui mi voleva vedere era che sua moglie Linda aveva una figlia che stava lanciando una band chiamata “Susie and the Red Stripes” (lei era Susie) e volevano che facessi un fumetto con lo stesso nome per promuovere il gruppo. Dovevamo riparlarne, ma poi non se ne fece nulla: quando lui arrivò in America io ero in Messico e quando io tornai in Inghilterra lui era da un’altra parte. Non ci incontrammo più, ma era stato molto divertente sollevare il telefono e sentirmi dire: “Pronto, sono Paul McCartney, vorrei vederla.” Non si sa mai che cosa aspettarsi, quando suona il telefono.


I cattivi

Ci siamo sempre ispirati al quello che accadeva nel mondo reale. Durante la Seconda guerra mondiale, i cattivi erano spesso nazisti. All’epoca della Guerra Fredda molta gente in America aveva paura della Russia e pensavamo che i comunisti fossero i cattivi. Ma dopo diventammo più attenti e più sofisticati: non potevamo prendere un intero gruppo di persone e dire che erano tutti cattivi. Oggigiorno, quando serve un nuovo cattivo, prendiamo un terrorista. Uno dei maggiori problemi nei fumetti e inventare dei cattivi. Si può usare lo stesso eroe, ma in ogni storia ci vuole un nuovo cattivo. Può diventare faticoso, d'altra parte il buono deve pur combattere contro qualcuno. E bisogna sempre trovare un nuovo cattivo, un mese dopo l’altro.
Me ne piacciono tantissimi. Amo il Dottor Destino, il Dottor Octopus, Goblin, l’Uomo Sabbia… non li ricordo nemmeno tutti. Purtroppo sono smemoratissimo. Per darvi un’idea della mia pessima memoria, vi dirò che quando inventavo un personaggio, gli davo sempre un nome di battesimo che cominciasse con la stessa lettera del cognome, come Peter Parker, Matt Murdock, Reed Richards. Lo facevo già quarant’anni fa. La ragione era che, se riuscivo a ricordare uno dei nomi, avevo un indizio sull’iniziale dell’altro nome. Per cui cominciavo con Bruce… come si chiamava? Bruce Banner, ecco com’era. Credo una volta di avere scritto “Bert Banner” invece di Bruce Banner. E tutti i lettori mi scrissero: “Non si ricorda il nome dei suoi stessi personaggi?” Me la cavai da codardo, dicendo: “Il nome completo è Robert Bruce Banner.” Sono uno smemorato.


Il supereroe preferito

Quello che mi somiglia di più non è un supereroe. Probabilmente è J. Jonah Jameson, il direttore del giornale per cui lavora l’Uomo Ragno. Se dovessi scegliere un supereroe, direi Reed Richards, non perché il mio corpo si allunghi, e non perché io sia uno scienziato intelligentissimo. Reed Richars è un uomo che parla sempre troppo. Annoia sempre la Cosa, che gli dice di stare zitto. Quindi assomiglio a Reed Richards: quando comincio a parlare, non smetto più. Ma sono come un padre a cui si chiede qual è il figlio preferito: li amo tutti quanti.
Excelsior!





lunedì 12 novembre 2018

Danse macabre spot 27


Aldo Lado a Ribs & Books, Milano


Il regista Aldo Lado incontrerà il pubblico nella duplice veste di autore cinematografico e letterario a Milano (giovedì 15 novembre, dalle 18.00 alle 20.00 nell'ambito di Ribs and Books, gli aperitivi letterari al Ribs and Beer, in via Pitteri 110, Milano Lambrate) e ad Andora, Savona (sabato 1° dicembre per il ciclo Monsieur Le Pop dalle 18.30 alle 20.30 presso il Momart, via Trieste 14). Nel corso dei due appuntamenti racconterà le sue esperienze di regista e produttore in Italia e all'estero, e  presenterà i suoi due libri pubblicati dalla casa editrice Angera Film: I film che non vedrete mai, in cui alterna episodi della sua vita alle pagine di suoi interessanti soggetti cinematografici che non sono stati mai realizzati né da lui né da altri registi, raccontando in questo modo la storia di mezzo secolo di cinematografia; e Un pollo da spennare, un romanzo giallo-umoristico-surreale con echi di Daniel Pennac.

mercoledì 7 novembre 2018

Danse Macabre spot 26


Andrea Carlo Cappi a Giallo Carta 2018



Lo scrittore Andrea Carlo Cappi torna a Civitanova Marche tra l'8 e il 10 novembre per quattro nuovi appuntamenti nell'ambito dell'edizione 2018 di GialloCarta.


giovedì 8 Novembre ore 18.00
Libreria Ranieri, vialetto Nord, 22 - Civitanova Marche
UN CAFFE’ NERO con Andrea Carlo Cappi

presenta i protagonisti delle sue storie, la passione per la letteratura del genere e la sua irrefrenabile produzione; una miscela di caratteristiche vincenti che lo posiziona tra gli autori più apprezzati nello scenario italiano e internazionale. Promozione libri

giovedì 8 Novembre ore 21.00
STED, piazza XXV Luglio, 4 - Civitanova Marche Alta

Andrea Carlo Cappi racconta interessati aneddoti sui protagonisti delle sue storie: Martin Mystère, Diabolik ed Eva Kant, Fantômas, James Bond 007, Adele e Lovely. Come i personaggi delle sue avventure, tutti abbiamo un lato misterioso, un segreto, un obiettivo e, subito dopo, una nuova sfida col destino.

venerdì 9 Novembre ore 21.00
Biblioteca Zavatti, Sala Cecchetti, v. Vittorio Veneto, 124
IL GIALLO DEL VENERDI’

Andrea Carlo Cappi, si occupa soprattutto di letteratura noir, thriller e avventurosa, ma ha scritto anche storie umoristiche, horror, fantasy e fantascientifiche, ma è anche il traduttore di numerosi autori, soprattutto nel campo del giallo; dalla lingua inglese, traduce opere di scrittori come Arthur Conan Doyle, Dashiell Hammett, Raymond Chandler, Erle Stanley Gardner, Ian Fleming, Jeffery Deaver, Clive Cussler e James Patterson, dallo spagnolo, i romanzi di Matilde Asensi, Miguel Barroso, Paco Ignacio Taibo II, Pedro Casals e Andreu Martín. Promozione libri

sabato 10 Novembre ore 10.00
Istituto d'Istruzione Superiore " V. Bonifazi"

Andrea Carlo Cappi, scrittore, saggista e blogger, incontra i ragazzi dell'istituto scolastico.

Danse Macabre spot 25


2 dicembre 2021: la Milano Noir di Borderfiction

  Il 2 dicembre 2021 alle ore 21.00, all'Admiral Hotel (v. Domodossola 16, Milano, ingresso libero) Borderfiction Eventi presenta una se...