domenica 24 febbraio 2019

Crocevia del destino

Paolo Brera in una foto di A. C. Cappi, 2011


Tributo a Paolo Brera
di Andrea Carlo Cappi

Ci sono giorni in cui si direbbe proprio che il Grande Sceneggiatore abbia oscuri disegni di cui potremmo quasi cogliere un filo... e, se solo ne fossimo capaci, forse le cose cambierebbero. I miei incontri con Paolo Brera ne sono la prova: neanche a farlo apposta, sono sempre stati un crocevia del destino. Fino all'ultimo.

Paolo Bera a un reading, foto di A. C. Cappi, 2011

La sera del 21 febbraio alla presentazione a "Ribs & Books" delle novità della casa editrice Clown Bianco, tra gli ospiti c'è Paolo Brera con il suo romanzo "Il futuro degli altri". In tale occasione racconto al pubblico che, quasi ogni volta che Paolo Brera e io ci incontriamo, si verificano eventi curiosi e importanti.
La primissima volta, credo nel 2006, ci incrociammo brevemente alla Libreria del Giallo di Milano, all'uscita del suo romanzo "Il veleno degli altri" (le parole "degli altri" nel titolo erano un suo marchio di fabbrica). Ma la conoscenza diretta nacque qualche tempo dopo, durante una manifestazione estiva sul giallo in Liguria: arrivarci, tra imprevisti meteorologici e automobilistici, era stato avventuroso, e l'evento a cui avremmo dovuto partecipare Brera e io - in una sala in cima a una scalinata vertiginosa - venne pure annullato (in effetti mi ero chiesto chi potesse voler assistere a una presentazione di libri in un luogo così impervio in un sabato sera d'estate: la risposta era nessuno). Così, dopo una telefonata dagli organizzatori, non ci alzammo neppure dal tavolo del ristorante. Tuttavia dalla nostra conversazione appresi innanzitutto che Paolo Brera, che conoscevo come scrittore, economista e giornalista per i suoi meriti, era figlio del leggendario Gianni Brera, di cui evidentemente aveva ereditato mestiere e talento. Avrei in effetti potuto notare un certa somiglianza anche fisica tra padre e figlio.
Inoltre scoprii che Paolo si era dedicato a raccogliere e tradurre vari testi sulla figura e il mito di Don Giovanni, elaborati nei secoli da vari autori: Zorrilla dallo spagnolo, Balzac dal francese, Pushkin dal russo, con in più suo padre con un testo teatrale e lui stesso con un racconto. Era un lavoro che avevo in mente da tempo e che avrei voluto (vorrei tuttora) completare anche con mie traduzioni di altre versioni; e in quel momento ero il direttore editoriale di una casa editrice con qualche ambizione culturale (poi devastata dall'incompetenza del marketing, ma questa è un'altra storia). Il viaggio in Liguria dunque era fallito sul piano delle presentazioni, ma permise la pubblicazione del bellissimo volume "Don Giovanni - Un progetto di Paolo Brera" (ora purtroppo fuori commercio). Non era la prima volta, del resto, che lui ideava un libro, poi incontrava un editore che voleva pubblicare proprio quel libro.
Paolo traduceva dal russo, dal francese, dallo spagnolo... da tutte le principali lingue europee, in effetti. Mi diceva che, una volta imparate quelle dei ceppi linguistici fondamentali, interpretare le altre diventava facile. Nel 2009 lo contattai persino da Praga per la curiosità di decifrare una scritta su una parete di un locale. Da profondo conoscitore dei classici, continuò nel tempo a comporre antologie tematiche di testi tradotti da lui: qualche anno fa lo ho messo in contatto con Algama Editore, casa editrice solo digitale, che ne ha pubblicati svariati in ebook, in pratica una collana tutta sua.
Ma nel 2008 era nato un altro progetto: in vista del 150° anniversario della nascita dello Stato Italiano del 2011, Paolo aveva in mente di scrivere un romanzo di intrighi politici ambientato durante il Risorgimento. Ma il suo progetto era ben più complesso: tutti i personaggi dovevano avere a loro modo dualità e contraddizioni (il capo dei servizi segreti austriaci che non è più del tutto viennese ed è quasi milanese; sua figlia, pure austriaca, che simpatizza tuttavia per i moti italiani...) mentre il protagonista, con le sue passioni, i suoi segreti e i suoi doppi o tripli giochi, era caratterizzato da una curiosa patologia all'epoca ancora ignota, a volte di ostacolo e a volte di aiuto nel suo "lavoro".
Paolo voleva che, da esperto di spy-story nella narrativa e nella realtà, lavorassi con lui al testo che lui aveva già in buona parte elaborato nel frattempo.

Paolo Brera e A. C. Cappi, foto di Emanuela Oliva, 2011

Sicché nel 2010, proprio mentre usciva il mio saggio "Le grandi spie" che mi aveva impegnato per metà dell'anno precedente, cominciai a occuparmi del "nostro" romanzo. Ricordo una sua telefonata cui non potei rispondere: il cellulare squillò mentre stavo correndo nell'aeroporto di Madrid per prendere una coincidenza verso Malpensa con l'urna delle ceneri di mia madre nel bagaglio a mano. Ma Paolo non si offese se non potei richiamarlo subito: a differenza di parecchia altra gente, comprendeva che una persona sempre indaffarata può anche... avere altro da fare.
Per quanto riguardava la parte medica, lui si era documentato sul testo autobiografico di un autore americano con cui - per caso - avevo collaborato a distanza a un libro successivo qualche anno prima. Io mi basai su un altro testo e alla fine diventai un esperto dell'argomento. Tanto da arrivare nel 2014 a riconoscere i sintomi di quella particolare patologia in una persona a me vicina: la mia preparazione in tal senso è stata determinante a indirizzarne la terapia verso nuovi orizzonti e, spero, verso la guarigione. Tutto grazie al romanzo, divenuto a sua volta un crocevia del destino.
A fine 2010 il libro era pronto e trovai l'editore, Sperling & Kupfer, che lo pubblicò nel settembre 2011 con il titolo "Il Visconte". Nel 2017, scaduto il contratto, è stato ripubblicato con un diverso montaggio dei capitoli e il titolo con cui lo avevamo proposto in origine, "La spia del Risorgimento", in un'edizione in volume ad alta tiratura in edicola e nel contempo in ebook da Algama, da cui è tuttora disponibile.
Giusto la sera del 21 febbraio scorso abbiamo parlato del nostro progetto di proseguire la serie, con Paolo Brera nel ruolo di autore principale e un mio ruolo più modesto come editor: era lui, con la sua cultura, il profondo conoscitore delle finezze storiche e linguistiche. Se non ha già scritto e non viene ritrovato un file con almeno parte del secondo romanzo, "Il Visconte tra le nuvole", temo che la vicenda del nostro eroe si fermerà al primo libro.
Ma i crocevia del destino sono continuati. Come organizzatore di eventi letterari, ho tra le varie sedi il Cafè Clubino di via Cosseria 1. Paolo Brera, che aveva incontrato un gruppo di lettrici a Tempo di Libri 2017, le invitò a partecipare a un paio di miei eventi al Clubino. Non riuscirono a organizzarsi per il primo, ma alcune si presentarono al secondo, il 17 giugno. Ricordo che Andrea G. Pinketts e io approfittammo dell'occasione per rendere omaggio ad Alan D. Altieri, morto all'improvviso quella settimana. Quando una delle amiche di Brera si fece fare una dedica su un mio romanzo, disse che lo avrebbe letto di lì a poco in una vacanza appena prenotata. Intuendo di essere a un nuovo crocevia, le chiesi dove fosse diretta. In effetti, due settimane dopo ci trovammo sullo stesso aereo per la Spagna che io avevo prenotato da tempo... e un'altra serie di coincidenze semplicemente romanzesche fece sì che lei diventasse la mia fidanzata e determinasse a sua volta una serie di eventi epocali nella mia vita.

Paolo Brera, al centro, 4/2/2019, foto di F. Giacomelli


Nell'autunno 2018 agli eventi al Clubino aggiunsi una serie parallela di incontri in un'altra sede, il Ribs and Beer di Lambrate, coprendo così un'altra zona di Milano. Approfitto sempre dei gestori di locali che amano la letteratura. Di lì a poco Clown Bianco Edizioni mi propose di presentarvi due sue novità... senza sapere dei miei rapporti pregressi con i due autori: dell'amico Riccardo Landini avevo fatto l'editing di un romanzo, ma l'altro autore era proprio Paolo Brera. La data venne fissata per giovedì 21 febbraio, dalle 18 alle 20. Una piacevole serata, anche se avrei voluto la sala piena come al solito; ma la Fashion Week, la partita dell'Inter delle 21 e un altro evento concomitante per il volume "Delitti alla milanese" forse hanno distolto i nostri potenziali seguaci. Paolo si è trattenuto a cena, moderandosi nel cibo e nel vino (era molto attento alla salute); parlammo del nostro Visconte e dell'incontro cui avrebbe dovuto partecipare a "Monsieur Le Pop" a Marina di Andora tra qualche mese, presentando sia il suo nuovo volume, sia una riedizione di un libro di suo padre. Poi lui si diresse alla metropolitana.
Dove sarebbe morto di infarto, probabilmente mezz'ora dopo. La notizia, incredibile e devastante, mi è arrivata il pomeriggio seguente, proprio mentre stavo lavorando all'editing del libro postumo di Andrea G. Pinketts, un altro comune amico scomparso da poco. Avevo parlato tutta la sera dei crocevia del destino e del fatto che ogni volta che Brera & Cappi si incontravano succedeva qualcosa. Ma che proprio quella sarebbe stata l'ultima sera, l'ultima cena, proprio non avrei potuto immaginarlo.


Paolo Brera, a destra, 21/2/2019 (foto: Clown Bianco Edizioni)

L'addio a Paolo Brera: domenica 24 febbraio 2019 dalle 16.00 alle 19.00 presso la casa funeraria San Siro in via Arcangelo Corelli 120, Milano; lunedi 25 febbraio 2019alle 11.00 alla chiesa San Bartolomeo di San Zenone Po (Pavia).

mercoledì 20 febbraio 2019

Gli anni della birra letteraria


Ricordi e promemoria di Andrea Carlo Cappi


Presentare libri in modo non convenzionale in un bar o ristorante-bar, fare intrattenimento culturale, parlare di letteratura e non solo senza annoiare il pubblico - anzi, divertendolo - di fronte a un bicchiere. La birra letteraria che prende il posto del caffè letterario. Non è una novità: a Milano è una tradizione che dura da ventisette anni.
Era il 1992 quando Andrea G. Pinketts ideò il Seminario per Giallo e Bar, mentre il giallo italiano cominciava a trovare posto nell'editoria e si scatenava lo scandalo di Tangentopoli. Divenni un assiduo frequentatore degli incontri settimanali nel 1993 e dal 1995 fui io ad affiancare Pinketts nella conduzione, quasi ogni giovedì per oltre vent'anni. Nel 2011 inaugurai all'Admiral Hotel gli appuntamenti paralleli di Borderfiction Eventi, che hanno visto spesso la partecipazione di Pinketts e ora continuano con "Borderfiction Clubino" al Cafè Clubino di via Cosseria 1 e con "Ribs & Books" al Ribs and Beer di via Pitteri 110.
Giovedì 21 febbraio, per esempio, al Ribs di Milano Lambrate è di scena una casa editrice indipendente, Edizioni Clown Bianco, che si presenta con due autori di tutto rispetto: Paolo Brera e Riccardo Landini, dei cui nuovi libri trovate le recensioni sulle pagine di Borderfiction Zone.
Come amo ricordare, è un'attività culturale in cui non è mai stato speso un centesimo di denaro pubblico, a ingresso libero (anche se i locali si finanziano con le consumazioni, che peraltro hanno prezzi più che accessibili), necessaria ora più che mai. Pinketts non è più tra noi, ma spero di poter continuare la sua tradizione con gli altri colleghi e amici che ci hanno affiancato nel tempo... e raggiungere quantomeno il traguardo dei trent'anni. Anche se gli appuntamenti non hanno più frequenza settimanale, il Seminario per Giallo e Bar continua. Ci vediamo giovedì.

Pinketts & Cappi, 2011; foto: Stefano Trovati/SGP


Cacciatore di...

Tecla e Cappi: rituale "Carvalho" alla Libreria del Giallo negli anni '90  


Racconto di Marcello Cimino

Negli anni Novanta a Milano la Libreria del Giallo in piazza San Nazaro in Brolo, fondata da Gian Franco Orsi de "Il Gialllo Mondadori", poi gestita e rilevata da Tecla Dozio, era un punto di riferimento per autori, cultori e lettori di narrativa di genere in Italia. Tanto quella sede quanto quella successiva in via Peschiera furono un vero e proprio salotto letterario che ospitò scrittori italiani e stranieri, e in cui nacquero diversi libri a partire dall'antologia della Scuola dei Duri, "Crimine Milano Giallo-Nera". Per diversi anni ci lavorai anch'io, prima di essere assorbito completamente dal lavoro nell'editoria.
In piazza San Nazaro erano di casa Renato Olivieri, Andrea G. Pinketts, Carlo Lucarelli; passarono di lì Evan Hunter e Manuel Vázquez Montalbán; tra i frequentatori più assidui figurava Marcello Cimino - apparso all'epoca anche in un mio racconto della serie "Cacciatore di Libri" - che oltre a essere un esperto di narrativa gialla si è dilettato più volte e con successo nella scrittura di genere.
Intorno al 1995 alcuni di noi scrissero racconti ambientati alla Libreria del Giallo e imperniati sui personaggi che la frequentavano. Marcello ne produsse uno in chiave sarcastica e vetrioleggiante che, riemerso in questi giorni dalle nebbie del giallo italiano, riporta alla memoria tanti amici, molti dei quali ormai assenti. (A. C. Cappi)



Piccola guida ai luoghi e ai personaggi principali:

La Sherlockiana, meglio nota come Libreria del Giallo, situata in piazza San Nazaro in Brolo, in un fondo di proprietà della Curia, adiacente alla omonima chiesa

Tecla Dozio proprietaria e animatrice della suddetta, nonché musa di molti giovani talenti
Andrea Carlo Cappi scrittore, traduttore, saggista, nonché cacciatore di libri per conto della Libreria. Grande appassionato di hardboiled ma dotato, ahilui, di un fisico da staccatore di biglietti sul tram
Andrea G. Pinketts scrittore, modello, sceriffo, ma soprattutto depositario di un ego spaventoso
Carlo Oliva scrittore, traduttore, saggista, ex-professore del Liceo Parini, grande affabulatore
Attilio Guardamacchia ispettore capo della Squadra Omicidi
(unico personaggio inventato)
Amici, parenti, scrittori, giornalisti…..


30 agosto 1995

Quella mattina, destandosi da sogni inquieti, Andrea Carlo Cappi si ritrovò nel suo letto completamente avvolto in un bagno di sudore.
L’improvvisa morte di Tecla Dozio, attivissima titolare della Libreria del Giallo, nonché sua datrice di lavoro, l’aveva ovviamente sconvolto.
Era stato lui a trovare il cadavere, due giorni prima. Il lunedì Tecla non lavorava e toccava a lui aprire la libreria al pomeriggio.
Puntuale come sempre, era arrivato in piazza San Nazaro poco prima delle sedici e si era diretto verso l’ingresso sul retro. Aveva inserito la chiave nella toppa e girato verso sinistra, ma non era riuscito a fare più di mezzo giro; allora aveva abbassato la maniglia e la porta si era aperta. Possibile che sabato sera Tecla si fosse dimenticata di chiudere a chiave?
Era entrato guardingo e, appena superato il bagno, l’aveva vista. Tecla era seduta con la testa rovesciata all’indietro e gli occhi sbarrati che puntavano un punto imprecisato sul soffitto. Le braccia ricadevano inerti lungo il corpo e solo lo scarso spazio tra la sedia e la scrivania aveva impedito al corpo di scivolare sul pavimento. I segni presenti sul collo sembravano indicare morte per strangolamento.
Cappi aveva cercato di non perdere la calma, anche se avrebbe voluto vomitare lì, sul posto. Ma così facendo avrebbe inquinato eventuali prove, e lui, noto Cacciatore di Gialli nonché giallista a sua volta, non avrebbe mai fatto una cosa del genere. Come si sarebbe comportato Archie Goodwin in un simile frangente? Certo non avrebbe vomitato davanti al cadavere di Nero Wolfe.
Confortato da tale riflessione, uscì di corsa e vomitò nel cortile dei preti.
La polizia, chiamata dal portiere dello stabile, informato dell’accaduto da Cappi stesso, era arrivata in pochi minuti. In pochissimo tempo la piazza si era riempita di gente: giornalisti, amici della vittima, curiosi e poliziotti, tanti poliziotti che tentavano di tenere tutti a debita distanza.
Il medico avrebbe stabilito che la morte doveva risalire a circa ventiquattr’ore prima e che probabilmente era stata causata da strangolamento. Mentre i poliziotti della Scientifica cospargevano di polverina bianca tutto ciò che era alla loro portata, l’ispettore Guardamacchia, incaricato delle indagini, aveva chiesto a Cappi di controllare se tutto, all’interno della libreria, apparisse in ordine.
Cappi aveva controllato la cassa, il cassetto dove venivano custoditi gli incassi dei giorni precedenti (i versamenti venivano fatti regolarmente ogni martedì mattina) e il resto della scrivania. A parte la tastiera del Mac che era caduta sul pavimento, probabilmente in seguito alla colluttazione tra la vittima e il suo assassino, tutto sembrava essere al suo posto. Tecla non doveva aver opposto molta resistenza. Eppure Cappi provava una strana sensazione, c’era qualcosa che non quadrava, lo sapeva, ma non riusciva a capire cosa.

Erano passati due giorni. Le indagini non avevano ancora portato a nulla. Tecla era benvoluta da tutti, non aveva nemici e certo non era la rapina il movente dell’omicidio. Dalla libreria sembrava non mancare niente, e poi, dove si era mai visto un rapinatore di libri?
Ma era un’altra la domanda a cui gli inquirenti volevano dare una risposta: cosa ci faceva Tecla Dozio in libreria in quell’ultima, caldissima e afosissima domenica di agosto?
Cappi si rigirò ancora un po' nel letto, poi, vinto dall’ansia, si decise ad alzarsi. Era sempre più convinto che la soluzione del mistero si trovasse in libreria, in qualcosa che lui aveva visto ma che non riusciva a mettere a fuoco.
I funerali erano fissati per le undici.
Il Comune di Milano, su richiesta dei familiari, aveva dato l’autorizzazione a tenere la cerimonia funebre, rigorosamente laica, nella piazza antistante la Libreria del Giallo. Quando Cappi arrivò erano da poco passate le dieci, eppure la piazza era già affollata di gente. C’erano i “bolognesi”, Lucarelli, Cacucci, Narciso, Bernardi, con quella sua faccia da John Belushi triste, Nerozzi e Rigosi nella loro solita divisa da funzionari del Partito Comunista Cecoslovacco, la Dhany Coraucci, che se la tirava come sempre.
C’era la Scuola dei Duri al completo: Ossola, Oliva, Riva, Pinardi e Pinketts. Marcello Cimino e Cesare Fiore con gli occhi gonfi di lacrime, forse per il dolore, o, molto più probabilmente perché Tea Vergani aveva deciso di raccontare loro, nei minimi dettagli, l’ultimo convegno che aveva organizzato. Romualdo Grande che, tanto per non smentirsi, aveva trovato il modo di attaccare discorso con un’addetta delle pompe funebri. Curtoni e Massaron che, essendosi vestiti per l’occasione come due bancari, salutavano tutti e non venivano riconosciuti da nessuno. E poi Orsi, Olivieri, Rizzoni e tantissima altra gente.
Alle undici in punto Carlo Oliva, con la voce rotta dall’emozione, iniziò la sua orazione funebre. Parlava dando le spalle all’ingresso della libreria e Cappi, nonostante si trovasse a pochi metri di fronte a lui, non lo sentiva. Stava fissando la vetrina, alla sinistra di Oliva, e in particolare stava guardando le tre file di libri dalla copertina rossa, tutti uguali, che occupavano l’intera scaffalatura.
E all’improvviso comprese.
Si guardò intorno, cercando di non dare nell’occhio, e individuò il suo uomo.
Doveva pensare in fretta.
Oliva stava parlando ormai da quindici minuti e Cappi sperò che, anche in quell’occasione, il mitico ex-professore del Parini tenesse fede alla sua fama di oratore facondo e ispirato, e magari anche un po' prolisso.
Gli servivano ancora dieci minuti.
Se conosceva bene il suo uomo, la sua idea avrebbe funzionato.
Non ci sarebbero state altre occasioni.
Ricacciando indietro i conati di vomito che gli venivano dal profondo della stomaco, si defilò dal mucchio e raggiunse l’ispettore Guardamacchia dentro il portone dello stabile.
Guardamacchia, come aveva visto fare nei telefilm di Derrick, era andato ai funerali sapendo che ci sarebbe stato anche l’assassino, ma non aveva la minima idea di come avrebbe fatto a identificarlo.
Cappi, al riparo dal portone, gli parlò brevemente all’orecchio e poi si diresse all’ingresso posteriore della libreria.
Oliva, fuori, stava ancora parlando quando qualcosa, dall’interno della vetrina, cominciò a muoversi, distraendo gli astanti. Cappi stava togliendo dagli scaffali i libri con la copertina rossa, sostituendoli tutti con le copie del nuovo romanzo di Olivieri con le gesta del commissario Ambrosio.
Oliva si voltò a guardare cosa stava accadendo.
Proprio in quel momento qualcuno, tra la folla, si mosse.
Mentre nella piazza rimbombò un “ORC...!!!“ un uomo in giacca rossa, pantaloni neri e camicia gialla con cravatta in tinta prese Oliva di peso tirandolo giù dallo scalino, sfondò con una spallata la porta della libreria e si lanciò su Cappi, tentando di strangolarlo.
Immediatamente un nugolo di poliziotti gli fu addosso e, seppure con una certa difficoltà, fu messo in condizioni di non nuocere.
Cappi si rialzò massaggiandosi la gola e guardò Pinketts negli occhi dicendogli: -Ho capito che eri stato tu quando ho visto la vetrina con tutte quelle copie de "Il senso della frase". Io stesso, venerdì scorso, l'avevo riempita con il libro di Olivieri e tu questo non hai potuto sopportarlo. Con una scusa hai attirato Tecla in libreria e, di fronte al suo rifiuto di cambiare la disposizione della vetrina, l’hai fatto tu, dopo averla strangolata.
Pinketts, che nonostante fosse stato pestato e strattonato da dieci poliziotti, aveva ancora il sigaro in bocca, lo guardò con tutto il disprezzo di cui era capace. - Cosa ne vuoi sapere tu, piccolo sgabello della natura, di ciò che prova un grande scrittore vedendo la sua opera estromessa proditoriamente dal suo ambito naturale, dal posto che le spetta di diritto? Sei un morto che cammina, Cappi. Sei come Salman Rushdie. Prima o poi ti prenderò!
Cappi sentiva su di sé gli occhi di tutti. Era un eroe, aveva risolto il caso rischiando la vita, aveva reso giustizia a Tecla. Il palcoscenico era suo, non doveva sbagliare la sua battuta.
Pinketts era davanti a lui, trattenuto da decine di mani.
Cappi gli si avvicinò.
Lo guardò dritto negli occhi.
E gli vomitò addosso.


Per quanti fiori ci siano


Lo scrittore Andrea G. Pinketts era così presente nella vita culturale milanese e nelle vite di chi lo ha conosciuto, che il tempo dalla scomparsa si misura ancora in mesi. Oggi ne sono passati due e Borderfiction lo ricorda, per cominciare, con la riflessione di Numa Echos - artista rock, scrittrice e autrice della celebre foto per la quarta di copertina dell'ultimo romanzo, "La capanna dello zio Rom" - scritta a caldo con le parole proprie e quelle dello stesso Pinketts.

Riflessione di Numa Echos

Non esistono parole adeguate per descrivere una perdita. Non ci sono lacrime sufficienti per smaltire il dolore. L’accezione del dolore come un distillato, l’assoluta perfezione del dolore che è la cosa peggiore che ci sia. Non ho mai pensato che esistesse la perfezione e che il dolore potesse essere talmente perfetto.
Le immagini prendono confusamente forma nel caotico vano neuronale. Andrea G. Pinketts esce in silenzio dal bar, mentre la fleboclisi di birra ora è un ricordo appeso a un supplizio di silenzio e il sigaro acceso rammenta effluvi d’incenso a una veglia funebre. S’incammina per le nebbiose e umide vie della Milano d’inverno, presentandoci il conto dell’ultima cena. Lui che aveva una relazione apparentemente stabile con la vita, ma una tresca con la morte, ora l’ha raggiunta per sempre ed è convolato a nozze. In silenzio. Lui che più di tutti aveva “il senso della frase” ora cede la parola ai devoti per lasciarli dolorosamente riflettere sul “senso della vita” che non si riesce ad afferrare, o al “senso della morte” che non si può evitare.
Impossibile non amare un maestro di luce e intelletto, non accorgersi della generosità di un uomo che donava se stesso disinteressatamente, per una giusta causa umana o intellettuale, nel nome della parola, del cuore e dell’evoluzione della letteratura. I ricordi sono frastagliati, innumerevoli flash che profumano di vissuto intenso, confronto denso, segreti rivelati e confidenze innocenti, di quel primo incontro che sarebbe stato il primo di tanti, quel primo incontro nel “noir” di una notte luminosa. L’ironia nei gesti di un uomo che giocava con i significati, trovava un significato a ogni sembianza di significato apparentemente priva, donava significato all’attimo e a ogni circostanza. Tante anime ad animare le sue notti e i suoi crepuscoli. E come diceva Il Genio della parola, amici come coperte. Coperte termiche d’inverno. Fresche lenzuola d’estate. Perché senza gli amici sei nudo. Nasci nudo. E chi ti vuol bene comincia a coprirti, ti copre per tutta la vita. E anche dopo morto copre di fiori il tuo cappotto di legno.
Lasceremo che questa volta Andrea ci ascolti senza elaborare una critica, che ci indirizzi mediante l’onnipotenza dei suoi capolavori, che sia il ricordo infinito che ci avvicina all’idea d’immortalità. Cercheremo una soluzione al suo ultimo “giallo” ma non la troveremo. Giocheremo a nascondino con la vita nella speranza di una resurrezione. Una notte, quando avremo concretizzato tale idea, ci ritroveremo a dialogare sui segreti della prossima vita, tenendoci le mani per l’ennesima volta e sorseggiando l’eternità.
27 12 2018

“Nei cimiteri, per quanti fiori ci siano, non è mai primavera”.
Andrea G. Pinketts

martedì 19 febbraio 2019

Il futuro delitto di Paolo Brera



Recensione di Andrea Carlo Cappi

Che un romanzo giallo possa raccontare molte cose oltre alla semplice trama è un fatto ormai noto. Così come il fatto che il meccanismo di indagine possa portare non solo alla scoperta del colpevole di un delitto immaginario, ma anche di realtà solitamente trascurate. Il futuro degli altri di Paolo Brera, tuttavia, scatena una vera e propria tempesta filosofica di cui il dubbio esposto nel risvolto di copertina – se sia l'arte a imitare la vita o viceversa – è solo l'inizio.
La trama parte da un enigma che penso sia venuto alla mente di molti autori di mystery: un delitto realmente avvenuto coincide con un omicidio raccontato in un giallo. In effetti, si racconta che nel mondo reale qualche assassino si sia ispirato ai romanzi di Agatha Christie, ma sia stato scoperto senza bisogno di Poirot o di miss Marple. Accadeva qualcosa di simile alla scrittrice interpretata da Sharon Stone in Basic Instinct, che replicava che – in quanto autrice di thriller – non sarebbe stata così stupida da copiare un delitto da un proprio bestseller. Ma qui la questione è più complessa.
Ne Il futuro degli altri viene commesso infatti un delitto dalle caratteristiche identiche a quello descritto nei minimi particolari in un romanzo pubblicato subito dopo il fatto di cronaca. Persino il nome della vittima, l'indirizzo, l'arma e la scena dell'omicidio coincidono con la realtà. Il problema è che il romanzo è stato scritto prima, quindi il sospettato numero uno è l'autore del libro, unico a poter replicare il crimine nella realtà, rispettandone ogni caratteristica. Casualmente, nella finzione, l'autore del romanzo si chiama Paolo Brera e il suo libro si intitola Il futuro degli altri.
Il personaggio Brera si dichiara innocente: nonostante il delitto sia raccontato minuziosamente nel suo libro, nega di averlo commesso. Impossibile d'altra parte che abbia in qualche modo previsto il futuro (degli altri) o lo abbia addirittura influenzato. È in atto allora un'incredibile serie di coincidenze? Devo dire che, conoscendo di persona Brera (lo scrittore, nella realtà) da oltre un decennio e sapendo che, quando ci incontriamo, si scatenano spesso flussi di coincidenze che hanno dell'incredibile, non me ne stupirei. Quindi non mi stupisco che una storia del genere sia venuta in mente a lui.

Preciso subito che dal punto di vista giallo il romanzo – mi riferisco a quello di Brera scrittore, pubblicato in questi giorni da Edizioni Clown Bianco nella collana Periferie – si risolve in maniera impeccabilmente razionale, senza nulla di sovrannaturale o fantascientifico, quindi la salma di S. S. Van Dine (autore di celebri regole che un onesto autore di detective story dovrebbe sempre rispettare) può riposare in pace. Ma la lettura di questo libro spalanca una porta sulla contaminazione tra finzione e realtà su cui vale la pena di riflettere. Quante volte l'una ci viene venduta per l'altra? In quante occasione fatti veri ci vengono presentati come leggende metropolitane e fake news invece come realtà inconfutabili? A volte le une e gli altri si assomigliano molto, differiscono solo per dettagli impercettibili ma sostanziali. Ma, come la realtà influisce sulla finzione, anche la finzione può influire sulla realtà, in un contagio reciproco. “Lo spettacolo penetra ormai dentro la vita reale, le circostanze in cui dobbiamo recitare una parte si moltiplicano...”, scrivono Brera l'autore e Brera il personaggio, “... in noi i livelli si confondono”. In un romanzo giallo in cui lo scrittore rispetta le regole si può arrivare a una soluzione definitiva e certa, nella vita reale non è detto che ciò possa avvenire.

Il romanzo "Il futuro degli altri" di Paolo Brera (Edizioni Clown Bianco) viene presentato a "Ribs & Books" giovedì 21 febbraio 2019 dalle 18 alle 20, presso Ribs & Beer, via Pitteri 110, Milano; ingresso libero. Conduce Andrea Carlo Cappi



Le canzoni letali di Riccardo Landini



Recensione di Andrea Carlo Cappi

Una probabile prostituta, un tossico, un paio di ladruncoli... In un'imprecisata città dell'Italia settentrionale si susseguono omicidi brutali che non possono essere liquidati come regolamenti di conti, come vorrebbe un pm incompetente, e che appaiono collegati l'uno all'altro persino agli occhi del nevrotico commissario di turno. Ma le indagini toccano a due ispettori di buona volontà: Ezio Marvelli, appena rientrato in servizio dopo un'esperienza che gli ha lasciato cicatrici sul volto e nell'animo, e Roberto Grossi, che comincia a sentire il peso del lavoro sulla sua vita famigliare.
L'arma è la stessa in tutti gli omicidi, un machete identico a quello del ricercato numero uno di sei mesi prima: Giano Gozzi detto “Buio”, definito “un'espressione letale della natura”, un uomo trasformatosi in belva, che Marvelli è riuscito a stanare a prezzo dell'equilibrio psichico e coniugale. Proprio all'ispettore qualcuno ora recapita ogni giorno musicassette registrate solo da un lato, con un'unica canzone che, scopre il collega Grossi, corrisponde ogni volta all'ultima vittima della serie. Buio è tornato? O si tratta di un astuto imitatore che vuole sfidare uno sbirro divenuto famoso suo malgrado?
Eppure Buio dovrebbe essere morto, in comune ci sono solo arma e modus operandi, e i delitti sembrano l'opera di un “giustiziere della notte” deciso a ripulire la città in base a criteri molto personali. Senza contare che la busta con una delle audiocassette è stata lasciata direttamente sulla scrivania di Marvelli, sotto il naso di tutti. Fin qui non ho rivelato nulla che non si possa desumere dal risvolto di copertina. Ma Di morte, d'insonnia e d'altre canzoni di Riccardo Landini, già ottima voce dell'hardboiled di provincia, afferra senza pietà gli stereotipi del thriller e ne fa scempio a colpi di machete, prima di ricomporli in una trama spietata dalla soluzione inattesa.

Il romanzo "Di morte, d'insonnia e d'altre canzoni" di Riccardo Landini (Edizioni Clown Bianco) viene presentato a "Ribs & Books" giovedì 21 febbraio 2019 dalle 18 alle 20, presso Ribs & Beer, via Pitteri 110, Milano; ingresso libero. Conduce Andrea Carlo Cappi


2 dicembre 2021: la Milano Noir di Borderfiction

  Il 2 dicembre 2021 alle ore 21.00, all'Admiral Hotel (v. Domodossola 16, Milano, ingresso libero) Borderfiction Eventi presenta una se...