venerdì 12 novembre 2021

Iperwriters - Consolazione e turbamento

Foto: Nikko Osaka (Unsplash)

Iperwriters - Editoriale di Claudia Salvatori


Venerdì, ore 13. La nave Iperwriters passa, portando un titolo che sembra appartenere a Jane Austen, e sviluppa l'altro interrogativo sollevato dall'intervento di Serenissima: la consolazione dell'arte.
C'è chi la cerca attraverso l'usuale e il sempre uguale, e chi la cerca attraverso una scarica di adrenalina sparata dall'imprevisto e dal perturbante. Ma anche il perturbante potrebbe essere consolatorio, nella fase catartica che segue alla paura.
Se siete scrittori vi divertirete con tutto, e cercherete novità nella lingua, nella tecnica, nello stile, nell'uso delle strutture narrative. Anche questa è consolazione.
Il vero nemico è la noia... che non è mai arte.
Ora, la presentificazione della storia, l'omologazione umana, e l'oppressione (o piuttosto il dilagare, che occupa ogni spazio disponibile) del Pensiero Unico, hanno prodotto nella fiction una specie di tirannia del prevedibile e dell'uguale.
Ogni “prodotto” deve essere “collocato” in un preciso container, fin da quando viene messo in vendita, in modo che i lettori non abbiano sorprese. Soprattutto bisogna evitare che possano sorprendersi!
Bei tempi, quando Lovecraft spiegava la sua ricetta di creatore di storie: prendete l'usuale e introducetevi un elemento straordinario e inquietante che ne sovverta l'ordine.
Bei tempi anche quando leggevo scrittori come Bret Ellis, capaci di fondere il thriller con la più nobile tradizione letteraria americana, o come Clive Barker, talmente abile a miscelare i generi da rendere vano ogni tentativo di collocazione in un genere: mai noioso, sempre nuovo, perché non sapevo cosa aspettarmi ogni volta che giravo pagina.
L'operazione di collocazione di fiction/container/fruitori è riuscita che meglio non si potrebbe. Nelle recensioni online, a volte, i lettori si lamentano di non aver trovato quello che si aspettavano. I lettori di un certo target di destinazione si interessano quasi sempre esclusivamente a quel genere, a quel “prodotto”, come se avessero un paraocchi che esclude tutto il resto.
Non trovate desolante che le donne di sessant'anni consumino esclusivamente spaghetti western e action movie mentre i ragazzini di sedici solo romance e commedie (l'inversione dei target è provocatoria)?
Non siete mai stanchi di annoiarvi, e di appartenere a un target? Salite a bordo.


Nessun commento:

Posta un commento

2 dicembre 2021: la Milano Noir di Borderfiction

  Il 2 dicembre 2021 alle ore 21.00, all'Admiral Hotel (v. Domodossola 16, Milano, ingresso libero) Borderfiction Eventi presenta una se...